Il principio di sussidiarietà, della verosimile rilevanza e della buona fede nell’assistenza amministrativa (sentenza TF n. 2C_28/2017 del 16 aprile 2018)

Vorpe, Samuele (2019) Il principio di sussidiarietà, della verosimile rilevanza e della buona fede nell’assistenza amministrativa (sentenza TF n. 2C_28/2017 del 16 aprile 2018). Patrimoni, finanza e internazionalizzazione, 2019 (21). pp. 68-81.

[img] Text
Vorpe_Il principio di sussidiarietà, della verosimile rilevanza e della buona fede nell’assistenza amministrativa.pdf

Download (376kB)

Abstract

Sentenza TF n. 2C_28/2017 del 16 aprile 2018, Ricorso dell’Amministrazione federale delle contribuzioni contro la decisione del Tribunale amministrativo federale del 28 dicembre 2016 (n. A-2797/2016, n. A-2801/2016) in materia di assistenza amministrativa (CDI CH-FR) Il principio di sussidiarietà presuppone che lo Stato richiedente formuli una richiesta di assistenza amministrativa in materia fiscale soltanto dopo aver esaurito tutti le fonti abituali per ottenere le informazioni sulla base del suo diritto interno. Il fatto che la contribuente, oggetto della richiesta di assistenza, abbia sottoscritto un Accordo con l’Autorità fiscale francese mentre la domanda era ancora pendente non è rilevante in relazione al principio di sussidiarietà. Diversa è la questione a sapere se l’assistenza debba essere accordata in simili circostanze dal punto di vista della verosimile rilevanza. Si reputa che la condizione della verosimile rilevanza delle informazioni richieste sia realizzata se, nel momento in cui viene formulata la domanda, esiste una ragionevole possibilità che le informazioni richieste si riveleranno pertinenti. La contribuente non può inoltre sostenere che la domanda presentata dallo Stato richiedente sia contraria al principio della buona fede per il fatto che quest’ultimo si sarebbe impegnato nei confronti dello Stato richiesto a non formulare delle domande relative a determinati dati. L’Autorità fiscale francese ha indicato i motivi per i quali le informazioni richieste adempiano ancora, malgrado l’Accordo, la condizione della verosimile rilevanza, e non si vede su quale base dette spiegazioni dovrebbero essere rimesse in discussione sulla base della buona fede.

Actions (login required)

View Item View Item