I nuovi orientamenti del Welfare State elvetico e la necessità dell’impresa sociale

Aviles, Gregorio and Bracci, Anna and Greppi, Spartaco (2014) I nuovi orientamenti del Welfare State elvetico e la necessità dell’impresa sociale. In: Colloquio scientifico sull'impresa sociale, 23-24 maggio 2014, Università degli Studi di Perugia. (Unpublished)

[img] Text
PAPER_IRIS_Avilés, Bracci, Greppi - 2014.pdf

Download (843Kb)

Abstract

L’obiettivo dell’articolo è illustrare l’evoluzione del Welfare State elvetico verso modelli di attivazione dei beneficiari di prestazioni sociali e discutere le implicazioni di tale riorientamento sul benessere e la qualità di vita dei soggetti chiamati ad attivarsi per tornare al lavoro. Il contributo si basa sui risultati intermedi di uno studio valutativo tutt’ora in corso finanziato dal Fondo Nazionale svizzero per la Ricerca Scientifica . Nella prima sezione, si comincia con il presentare l’organizzazione dello Stato sociale svizzero e la svolta da un Welfare State orientato alla garanzia del reddito a un modello di Workfare State basato sul paradigma dell’attivazione. Successivamente, si descrive il terreno della ricerca empirica, costituito dalle Attività di Utilità Pubblica, uno specifico programma d’integrazione concepito per beneficiari del reddito minimo in Canton Ticino. La seconda sezione è dedicata alla presentazione degli obiettivi e degli elementi teorici e metodologici dello studio. Le finalità della ricerca sono la valutazione degli effetti delle Attività di Utilità Pubblica sulla qualità di vita dei partecipanti e l’individuazione delle opportunità di miglioramento del dispositivo d’attivazione. Lo studio adotta un disegno riconducibile al paradigma della ricerca con metodi misti, in quanto combina un’indagine longitudinale di stampo quantitativo su un campione iniziale di un centinaio di soggetti e un’indagine qualitativa fondata su una serie di interviste esplorative condotte con i principali stakeholder, sul racconto e il giudizio retrospettivo di un gruppo di partecipanti all’indagine longitudinale e su due workshop di discussione, svoltisi di recente con l’obiettivo di elaborare delle concrete proposte per il rafforzamento dell’efficacia della politica pubblica. La terza sezione illustra i risultati intermedi derivati dall’analisi qualitativa, mentre nella quarta sezione si riassumono le principali conclusioni. La valutazione ha permesso di rilevare un mancato allineamento fra i bisogni dei beneficiari di reddito minimo, gli obiettivi istituzionali dello Stato attivatore e le risorse a disposizione dei servizi sociali per l’applicazione della strategia dell’attivazione. Inoltre, lo studio mostra la necessità di sostenere la creazione di vere e proprie imprese sociali per garantire sbocchi professionali duraturi ai beneficiari di prestazioni sociali che presentano uno svantaggio permanente nell’accesso al mercato del lavoro.

Actions (login required)

View Item View Item