Il "senso dell’infinito"

D'Amore, Bruno and Arrigo, Gianfranco and Bonilla Estevez, Martha and Fandiño Pinilla , Martha Isabel and Piatti, Alberto and Rojas Garzon, Pedro Javier and Rodriguez Bejarano, Jorge and Romero Cruz, Jaime Humberto and Sbaragli, Silvia (2004) Il "senso dell’infinito". La matematica e la sua didattica, 4. pp. 46-83. ISSN 1120-9968

[img] Text
Senso infinito.pdf - Published Version

Download (249kB)

Abstract

Si intende per “stima” «il risultato di un procedimento (conscio o inconscio) che tende a individuare il valore incognito di una quantità o di una grandezza» (Pellegrino, 1999). Che cosa accade se tale valore incognito è infinito? Esiste un “senso dell’infinito”, così come esiste un “senso del numero”? Se sì, come si configura? Se no, perché? Si riesce a dare un senso intuitivo alla differenza tra l’infinito numerabile e l’infinito continuo? In questa ricerca si danno risposte a queste e ad altre domande, analizzando i comportamenti di soggetti di vario genere, da adolescenti ad adulti, da matematici esperti a persone di cultura, ma non nello specifico matematico. La ricerca, effettuata in Colombia, Italia e Svizzera, offre un vasto panorama ma poche differenze di rilievo tra Paese e Paese.

Actions (login required)

View Item View Item